"COME L'ACQUA DA UN BICCHIERE ROTTO"

Regia Piera Mungiguerra

Con Marco Ripoldi e Libero Stelluti

Testo Ferdinando Cotugno - Piera Mungiguerra

Consulenza drammaturgica Luca Franzoni

Come una lunga chioma era già sciolta, come pioggia caduta era diffusa,

come un raccolto in mille era divisa.

Ormai era radice.

E quando il dio bruscamente fermatala, con voce di dolore esclamò: Si è voltato -,

lei non capì e in un soffio chiese: Chi?

(Orfeo. Ermete. Euridice. R.M.Rilke)

 

Lo spettacolo parla di una perdita e di un viaggio fra ricordi e sogni.

Parole e immagini per esplorare il luogo caldo dove la morte impone le sue ragioni sull'amore e dove quest'ultimo ne esplora i territori cercando lo spazio per restare.

Sulla scena c'è una scatola e gli oggetti di una persona che invece non c'è più.

Il vuoto che resta, i pezzi del naufragio, e due ragazzi, parte dello stesso amore, a metter ordine nello spazio come nel tempo.

Attraverso la memoria, da quella stanza inizierà il cammino, che getterà ponti fra realtà e sogno, fra scatole impolverate e animali marini nel fondo dell'oceano, provando a forzare la vita e la morte. Provando ad andare contro le regole.

© 2014 by Opera Liquida. Tutti i diritti riservati  

p.iva - c.f. 06806970965  

sede: via Sant'Innocenzo 3A Pozzuolo Martesana (MI)

 operaliquida@gmail.com