I LUOGHI DELL'ALTRO

Ninna nanna anestetica per materiali organici organizzati

Drammaturgia Ivana Trettel

Le parole di Oderfla sono del poeta Akim, quelle dei Semplificati sono di Salvatore Guerino, Mauro Lauria, Roger Mazzaro, Jimmy Tropea e Alfredo Vatalaro

 

In scena 

Salvatore Guerino,  Mauro Lauria,  Roger Mazzaro,  Orazio Guagliardo,  Paolo Montanari, Antonio Rizzo,  Jimmy Tropea, Alfredo Vatalaro

           

Partiture fisiche Gianni Lamanna

Costumi Anna Giulia Fresko, Deborah Savio, Andrea Trinceri e Pamela Vighi, studenti della scuola di Fashion Design della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

Scenografia Salah Azibi, Valentina Boe, Valentina Rosa, Cecilia Serafini, studenti della scuola di Fashion Design della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

 

Un ringraziamento a Ugo e Roberto Brancato per la consulenza sul trattamento dei tessuti.

 

Coordinamento studenti Caterina Filice e Anna Cardani, docenti NABA.

Fotografia Annalisa Cimmino, Andrea Minoglio

Produzione Video Fairy Tails

Progetto grafico Alice Ziccheddu e Maura Pallazzoni

Regia Francesco Mazza

Assistenza alla regia Ivana Trettel

 

Conduzione laboratorio Francesco Mazza, Gianni Lamanna, Ivana Trettel

Supporto al laboratorio Elena Mearini

Un particolare ringraziamento va alla Direzione della Casa di reclusione di Milano Opera e al Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria, agli Agenti di Polizia Penitenziaria e agli Educatori per aver reso possibile tutto questo.

Siamo partiti dalla cronaca contemporanea che in questi mesi ci ha attraversato. Abbiamo cercato una motivazione forte, la risposta a un’esigenza comune, perché il teatro diventasse l’amplificatore dei nostri pensieri, delle nostre riflessioni. Il testamento biologico e il senso della vita in stato vegetativo hanno sublimato il bisogno di parlare di noi, del coma emotivo che spesso attanaglia chi vive la condizione di recluso.

Abbiamo trovato dubbi e delicatezza. Abbiamo scritto molto.

 

La nostra iperbole ci ha permesso di giungere in un non luogo, in un non tempo, dove i sistemi di pensiero s’intrecciano nelle infinite sfumature di grigio, dove non esistono sentenze, dove la verità non ha un solo volto.

Dove i dubbi restituiscono vita, spessore e consistenza.

 

In un futuro non definibile il sistema ha deciso di mantenere i detenuti in coma farmacologico. I Semplificati trascorrono la loro condanna dormendo, permettendo di risparmiare risorse importanti: sorveglianza, spazi, prevenzione, reinserimento. Una delegazione in visita all'Istituto Semplificatore vuole conoscere il nuovo ‘modello’ e comprendere se è applicabile ovunque.

I Semplificatori sono il tramite tra i Semplificati e la Delegazione. Sono coloro che vedono da vicino e pertanto conoscono a fondo e di conseguenza non hanno certezze.

I De-semplificati, detenuti risvegliati temporaneamente, secondo il protocollo, parlano attraverso le poesie dei nostri attori, portano le loro voci senza filtri, e permettono alla delegazione “l’intervista” per comprendere le ricadute emotive che questa nuova prassi ha sugli individui. Oderfla Cantastorie è invece l’essere assoluto, umano e divino per eccellenza. Fa da contrappunto alle scene. Scarnifica ed eleva allo stesso tempo. E’ il libero umano pensiero. Parla attraverso le immagini del poeta Akim, che ringraziamo.

Le repliche

  • 11 settembre 2009 presso Alzaia Naviglio Grande 4 - Estate sui Navigli

© 2014 by Opera Liquida. Tutti i diritti riservati  

p.iva - c.f. 06806970965  

sede: via Sant'Innocenzo 3A Pozzuolo Martesana (MI)

 operaliquida@gmail.com