LA VERSIONE DI BARBIE

 

di e con Alessandra Faiella

regia di Milvia Marigliano

Ma quali favole ci hanno raccontato? La Bella Addormentata si sa, era imbottita di Xanax e non si può pretendere che fosse molto lucida, ma Biancaneve? Per secoli ci hanno fatto credere che fosse felice di essere la schiava di sette nanerottoli probabilmente nemmeno superdotati! E perché la Bella deve sposare una bestia e non avviene mai il contrario? Più che una fiaba, la vita di una donna è un horror! Sin dall’infanzia! Ad allietarci pensava la Barbie, il prototipo della donna ideale: bella e magra, tettuta e multitasking, seduttiva, emancipata ma eterna fidanzata di un tronista. La Barbie è una donna perfetta, noi no. Noi ci barcameniamo tra lavoro, carriera, figli, mariti, amanti, palestre ed estetiste, ossessionate dall’idea di una perfezione che non riusciremo mai a raggiungere. Il sogno di libertà si è trasformato in una schiavitù da incubo.
E allora? E allora smettiamo di lamentarci e prendiamo in mano la nostra vita.
Attraversando con piglio ironico e dissacrante l’itinerario di formazione della donna di oggi dalla nascita alla morte, Alessandra Faiella invita a uscire dal tunnel della finta emancipazione, poiché il sonno della ragione  ha già generato troppi mostri.


                                                                                                                                              Alessandra Faiella

Tratto dal libro “La versione di Barbie” di Alessandra Faiella, Mondadori editore

© 2014 by Opera Liquida. Tutti i diritti riservati  

p.iva - c.f. 06806970965  

sede: via Sant'Innocenzo 3A Pozzuolo Martesana (MI)

 operaliquida@gmail.com